Skip to content

RBCTHAILAND.ORG

Rbcthailand

CONDENSATORE CORRENTE COSTANTE SCARICARE


    In elettrotecnica, la scarica di un condensatore in un circuito elettrico è il processo mediante il quale le cariche accumulate sulle armature di un condensatore si disperdono nel circuito in seguito all'applicazione di una differenza di potenziale. La corrente elettrica e le leggi di Kirchhoff valgono esattamente solo quando . ha un valore costante ed è detta costante di. chiedo cortesemente aiuto poiché non capisco la seguente relazione: scaturita dalla carica di un condensatore a corrente costante mediante. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso . Soluzione. Un'analisi semplificata di un circuito in corrente continua (V costante) con con-. a limitare la corrente nel circuito `e la resistenza R, la corrente che si instau- il condensatore, viene poi scaricato chiudendolo su di una resistenza R/ (vedi Supponiamo ora che l'alimentatore del circuito RC sia a frequenza costante. metalliche piane di superficie A, separate da un dielettrico con costante ε, poste ad . terminato il processo di carica del condensatore, il passaggio di corrente.

    Nome: condensatore corrente costante
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:29.74 MB

    Essi si caricano allo stesso valore della sorgente di alimentazione; una volta raggiunta la carica essa viene mantenuta nel tempo anche se il condensatore non è più collegato al generatore e fino a quando i terminali non vengono collegati ad una resistenza o posti in corto-circuito.

    Sia la carica che la scarica possono avvenire in un tempo prevedibile. I condensatori sono essenzialmente costituiti da due armature metalliche isolate tra di loro. Il tipo di dielettrico permette una prima classificazione dei condensatori. I condensatori più usati nel campo dell'elettronica sono quelli con dielettrico aria o con dielettrico solido. I tipi di dielettrici solidi più usati sono: mica, ceramica, film plastico, carta.

    I condensatori sono essenzialmente costituiti da due armature metalliche isolate tra di loro. Il tipo di dielettrico permette una prima classificazione dei condensatori.

    I condensatori più usati nel campo dell'elettronica sono quelli con dielettrico aria o con dielettrico solido. I tipi di dielettrici solidi più usati sono: mica, ceramica, film plastico, carta.

    Di un condensatore oltre al valore della capacità intesa come l'attitudine ad immagazinare energia elettrica è importante conoscere anche la tensione di lavoro VL.

    Quanto più sono estese le due superfici, tanto maggiore è la capacità; analogamente, la capacità è maggiore quanto più le due superfici sono vicine.

    La capacità dipende poi anche dall'isolante che si trova fra le due superfici: il valore più basso si ha quando c'è solo l'aria; se il dielettrico è costituito da altri materiali, la capacità aumenta in funzione del materiale, secondo una grandezza caratteristica di ciascun materiale, che viene detta "costante dielettrica relativa". Nella pratica i condensatori si realizzano avvolgendo insieme due sottili lamine metalliche, separate da un film plastico dello spessore di alcuni decimi di micron; quando si richiedono capacità molto elevate, invece del film plastico si usa come dielettrico uno strato di ossido, formato direttamente su una superficie metallica, ed un elettrolita come secondo elettrodo.

    Di seguito sono descritte brevemente le caratteristiche dei condensatori di uso più frequente. Figura 2: condensatori elettrolitici Nei condensatori elettrolitici il dielettrico è un sottilissimo strato di ossido, fatto formare direttamente sul metallo l'alluminio che fa da armatura e costituisce l'anodo; il tutto è immerso in un elettrolita che, essendo un sale disciolto, risulta conduttore. Il caratteristico involucro metallico di forma cilindrica che fa da contenitore, diventa, ai fini del collegamento elettrico, il terminale negativo ovvero il catodo.

    Proprio a causa della loro costituzione, i condensatori elettrolitici sono "polarizzati", il che vuol dire che devono necessariamente essere collegati ad una tensione continua, rispettando le polarità, positiva e negativa, indicate sull'involucro. Collegando il condensatore al contrario, esso si distrugge rapidamente e rischia di esplodere.

    Come gli altri tipi di condensatori, gli elettrolitici possono essere di tipo radiale fig.

    Una banda laterale indica la polarità di almeno uno degli elettrodi. Gli elettrolitici sono condensatori di grande capacità, in grado di accumulare notevoli quantità di energia; per tale motivo trovano impiego principalmente negli alimentatori, per il livellamento della tensione e la riduzione del "ripple" ovvero delle ondulazioni residue.

    Al flusso ordinato di carica elettrica costituente la corrente di carica scarica corrisponde uno spostamento elettrico di carica nel dielettrico compreso tra le armature del condensatore che si polarizza depolarizza. Al lavoro compiuto dal generatore corrisponde, a meno della potenza elettrica dissipata nelle resistenze, l'energia accumulata nel dielettrico del condensatore; tale energia è totalmente dissipata nelle resistenze durante la scarica.

    Si ricorda che la lettera e che compare nella espressione esponenziale è la base dei logaritmi naturali, ovvero il numero 2, In qualsiasi processo regolato da una legge esponenziale, la costante di tempo rappresenta il tempo necessario al completamento del processo nel caso in cui lo stesso avvenga ad una velocità costante e pari a quella dell'istante iniziale.