Skip to content

RBCTHAILAND.ORG

Rbcthailand

SCARICA ACCENDITORI PER LAMPADE A


    Contents
  1. Philips HID accenditore per MK4 sistemi semiparalleli
  2. Accenditori elettronici per lampade a scarica. Electronic ignitor for discharge lamps
  3. Alimentatore lampade ioduri
  4. Catalogo > Merola Elettroforniture

Il reattore e l'accenditore sono indispensabili per l'accensione di lampade a scarica di tipo ioduri metallici o lampade al sodio alta pressione. Per lampade a. ASI. Accenditori elettronici allo stato solido con principio a impulsi adatto per l'​accensione delle lampade SODIO e IODURI METALLICI. CONFORME EN​. Prodotti per l'illuminazione. Prodotti per l'illuminazione. Catalogo prodotti · Apparecchi per interni · Apparecchi per esterni · Lampade e tubi convenzionali. Accenditori elettronici. Alimentatori per lampade fluorescenti. Driver indipendenti. Sistemi di alimentazione da incorporare. Sistemi di alimentazione in rbcthailand.org Trasformatori Elettromeccanici per Lampade a Scarica. ACCAP2 – ACCENDITORE ad IMPULSI (2 FILI) (÷W MH – IODURI METALLICI).

Nome: accenditori per lampade a
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file:68.16 Megabytes

SCARICA ACCENDITORI PER LAMPADE A

Possono essere presenti elettrodi supplementari per l'innesco. Solitamente le lampade a bassa pressione sono a forma di tubo diritto o curvato a U, mentre le lampade ad alta pressione sono costituite da una piccola ampolla di quarzo adatto a resistere a temperature più elevate.

L'emissione luminosa è monocromatica o limitata alle righe di emissione spettrale del gas contenuto, se questo è a bassa pressione. Possono essere necessari diversi minuti perché la lampada inizi a produrre una luce accettabile e in molti casi questo è un limite. La tensione di rete non è sufficiente per innescare la scarica, per cui è necessario provvedere con opportuni circuiti a provocare una prima ionizzazione del gas. In altri tubi è presente un elettrodo di innesco posto a brevissima distanza da uno dei due elettrodi ordinari: questo elettrodo viene brevemente alimentato con la normale tensione di rete che, data la distanza ridotta, è ora sufficiente per innescare un piccolo arco; il riscaldamento e l'emissione di ioni e radiazioni provoca l'innesco del restante gas.

Il funzionamento di tipo induttivo degli alimentatori elettromagnetici comporta un fattore di potenza basso, che raggiunge spesso valori tra 0,3 e 0,6. È necessario, quindi, installare un condensatore di rifasamento per riportare il fattore di potenza a 0,9. Alimentatore elettronico autoscillante[ modifica modifica wikitesto ] L'alimentatore elettronico autoscillante semplifica notevolmente la gestione delle lampade fluorescenti rispetto a un alimentatore elettromagnetico.

Grazie a una tensione di innesco interna l'impiego dello starter diviene superfluo, inoltre non è necessario alcun rifasamento , poiché il fattore di potenza è già superiore a 0, Gli apparecchi che montano un alimentatore elettronico consentono un funzionamento più economico, poiché necessitano di un assorbimento di potenza del sistema decisamente minore rispetto alle applicazioni tradizionali con alimentatori induttivi a parità di illuminazione.

Alcuni costruttori di alimentatori forniscono il numero massimo di alimentatori collegabili in funzione del tipo di interruttore di protezione utilizzato. Molto diffuse sono anche le lampade dette fluorescenti compatte a risparmio energetico , costituite da un tubo fluorescente di piccolo diametro abbinato a un circuito elettronico di alimentazione.

Il tutto è montato su uno zoccolo a vite simile a quello delle normali lampadine , al cui posto possono essere montate. Alimentatore elettronico a componenti integrati[ modifica modifica wikitesto ] Questo alimentatore utilizza circuiti integrati compreso un oscillatore programmabile per il controllo della lampada. Il circuito risonante la trasforma in un'onda dall'andamento sinusoidale.

Ecco come funziona, in breve, una lampada con circuito di controllo elettronico. Tipi più comuni[ modifica modifica wikitesto ] Il fenomeno dell'emissione di luce da parte di una scarica elettrica è stato studiato a partire dalla seconda metà del XIX secolo da scienziati quali Charles Wheatstone e Jean Foucault.

La scarica era ottenuta accostando due elementi metallici o barrette di grafite in aria atmosferica.

Questo tipo di lampada è stata usata per diverso tempo prima dell'invenzione della lampadina a incandescenza e anche successivamente dove erano richiesti flussi luminosi elevati. Gli svantaggi principali di questa tecnica sono: il rapido consumo degli elettrodi, la necessità di regolarne continuamente la distanza sia per l'innesco che per il deterioramento , l'instabilità della luce prodotta e l'eccessiva intensità di questa per usi comuni.

I primi problemi erano in parte risolti con l'utilizzo di meccanismi a orologeria che avvicinavano progressivamente gli elettrodi.

Successivi studi e perfezionamenti crearono una varietà di lampade in cui la scarica avviene attraverso un gas a pressione inferiore a quella atmosferica.

Durante l'accensione a freddo, il sodio è depositato attorno al bulbo interno e la scarica avviene in una miscela Penning composta da Argon e Neon.

Philips HID accenditore per MK4 sistemi semiparalleli

La scarica in questa miscela provoca il repentino riscaldamento della lampada, fino a raggiungere la temperatura di fusione del sodio. È usata nell'illuminazione stradale in incroci soggetti a nebbia.

Ciclo di spegnimento pg in condizioni anomale In superimposed ignitors, the high voltage, which is necessary for the switch-in of the lamp, is obtained thanks to an internal transformer, elevator 1,8 4,5 kv.

These voltage pulses are generally limited to the switch-in phases. They have a sole direction towards the lamp and they do not cause any stress on the ballast.

For these reason, this kind of system turns out to be one of the best ones for the components respect. In case of damage or end of life lamp, the ignitor creates continuos high voltage pulses, as all kind of standard ignitor do too, with consequent RFI emissions values that can disturb the other components.

Accenditori elettronici per lampade a scarica. Electronic ignitor for discharge lamps

In these anomalous working conditions, the normative regulations do not pay attention to this problem. In order of improving the systems security, the components performances and to restrain the RFI emissions in every conditions, APF developed a new series of Pulse Watch PW security ignitors.

This PW series, both for the coupling with High Pressure Sodium and Metal Halide lamps, has a digital control circuit that allows the best result with the lowest disturb max. La gamma di accenditori per innesco a caldo è rivolta principalmente a lampade di alta potenza e W.

Alimentatore lampade ioduri

Analoghe considerazioni devono essere effettuate nell utilizzo dei relativi portalampade e cavi elettrici. I conduttori ed i relativi portalampade ad Alta Tensione devono essere protetti con materiale isolante adeguato Teflon, Silicone, Ceramica. Per un maggior rispetto delle distanze in aria, considerare almeno 40mm di distanza superficiale fra le parti in tensione scoperte portalampada ed eventuale struttura metallica. Hot restrike ignitors for discharged lamps can be used in lighting systems where an operation safety in necessary, such as, in particular, in stadiums, power plants, TV studios Hot restrike times change according to the type of lamp and to the lighting fitting.

For sodium high pressure lamps, the hot restrike time is included between 10 and 60 seconds, while for the metal halide ones it is, approximately, between and seconds.

To the restrike ignitors range is meant especially for high voltage lamps: and W. Similar considerations have to be contemplated in case of lampholders and electric cables. La miscela dei diversi componenti della radiazione produce la temperatura di colore desiderata e le proprietà di riproduzione cromatica.

Catalogo > Merola Elettroforniture

Durante il funzionamento della lampada, il mercurio vaporizza completamente. Principio di una lampada ad alogenuri metallici, in questo caso una lampada a doppio attacco con bruciatore di quarzo Continua a leggere Riduci OSRAM applica questo principio con diversi metalli e materiali riempitivi, per creare diversi tipi di lampade, tra cui lampade ad alogenuri metallici, lampade al sodio e lampade al mercurio.

La maggior parte delle lampade a scarica richiedono un alimentatore per l'accensione e la limitazione della corrente.