Skip to content

RBCTHAILAND.ORG

Rbcthailand

MODELLO 730 INTEGRATIVO DA SCARICA


    Il modello integrativo deve essere presentato a un intermediario (Caf, la differenza rispetto all'importo del credito risultante dal modello , che verrà. "rettificativo". Modello integrativo. Se, invece, il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione, le modalità di​. La presentazione di una dichiarazione integrativa non sospende le procedure avviate dal Modello ordinario e quindi non fa venire meno l'obbligo al Sostituto. Come scaricare il Modello / precompilato tramite PIN INPS lo avesse fatto, può ovviare optando per il integrativo o con il modello Redditi, visualizzata e scaricata anche dal sito INPS, oltre che da quello delle. il contribuente riceve dal CAF copia della dichiarazione modello integrativo e il prospetto di liquidazione modello integrativo. Il CAF verifica la.

    Nome: modello 730 integrativo da
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:70.66 MB

    MODELLO 730 INTEGRATIVO DA SCARICA

    Rettifica del modello Modello rettificativo Se il contribuente riscontra errori commessi dal soggetto che ha prestato l'assistenza fiscale deve comunicarglielo il prima possibile, per permettergli l'elaborazione di un mod. Modello integrativo Se, invece, il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione, le modalità di integrazione della dichiarazione originaria sono diverse a seconda che le modifiche comportino o meno una situazione a lui più favorevole.

    Il mod. Il contribuente che presenta il mod. Se l'assistenza sul mod. In questo caso dovrà indicare il codice 2 nella relativa casella " integrativo" presente nel frontespizio. Il nuovo modello deve contenere, pertanto, le stesse informazioni del modello originario, ad eccezione di quelle nuove indicate nel riquadro "Dati del sostituto d'imposta che effettuerà il conguaglio". Integrazione della dichiarazione che comporta un minor credito o un maggior debito Se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l'integrazione o la rettifica comporta un minor credito o un maggior debito deve utilizzare il modello REDDITI Persone fisiche In questo caso, se dall'integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà proce- dere al contestuale pagamento del tributo dovuto, degli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e della sanzione in misura ridotta secondo quanto previsto dall'art.

    In questo caso se dall'integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà pagare contemporaneamente il tributo dovuto, gli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e le sanzioni in misura ridotta previste in materia di ravvedimento operoso; entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dichiarazione integrativa — art.

    Il Mod. Il contribuente che presenta il Mod.

    scadenza Archivi - Fenalca

    Il termine ultimo per presentare il nuovo modello rettificativo è il 25 ottobre. Due i principi fondamentali da tener d'occhio: l'obbligo scatta nel caso in cui si siano verificate delle variazioni non conoscibili dal Comune e quando vengono applicati degli sconti d'imposta.

    L'agevolazione spetta per un importo non superiore a 1. Continua a leggere Il trattamento di fine rapporto non deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi Non va dichiarato. Il datore di lavoro, infatti, al momento dell'erogazione, applica una ritenuta a titolo d'acconto; successivamente l'Amministrazione finanziaria richiederà la tassazione definitiva.

    Continua a leggere Le erogazioni liberali a movimenti politici, Onlus, associazioni sportive, ecc. Ve ne sono di diversi tipi: da quelle per le associazioni di promozione sociale, a quelle in favore degli istituti scolastici, fino a quelle per gli enti dello spettacolo.

    Ecco le donazioni detraibili dal I portatori di handicap, riconosciuti da apposite commissioni, possono autocertificare la sussistenza dei requisiti personali, attraverso una dichiarazione sostitutiva di atto notorio allegando un documento d'identità.

    Gli abbonati RAI con più di 75 anni possono richiedere l'esenzione dal canone Il beneficio è applicabile in presenza di determinati requisiti reddituali che devono essere verificati annualmente. Continua a leggere La Tari è la terza "costola" della IUC dopo Imu e Tasi: i Comuni la applicano a tutti gli immobili suscettibili di produrre rifiuti urbani.

    Oggetto misterioso della IUC, la tariffa sui rifiuti prende a riferimento il principio europeo del "chi inquina paga". Il calcolo è una prerogativa dei Comuni, che spediscono a casa il bollettino. Continua a leggere I tempi si allungano per le rettifiche sulle dichiarazioni di successione.

    Si potranno apporre modifiche entro due anni dal versamento dell'imposta. Si tratta di una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose 4 o più figli a carico. Il bonus è cumulabile con quello sull'elettricità. Il beneficio sarà applicabile non solo sugli immobili locati e assoggetati ad Irpef, ma anche alle prime case e alle abitazioni sfitte.

    Continua a leggere Quando un lavoratore subisce un infortunio il datore di lavoro ha l'obbligo di effettuare la denuncia all'Inail. In caso di infortunio sul lavoro con diagnosi superiore a 3 giorni, il lavoratore domestico ha l'obbligo di trasmettere al datore di lavoro e all'Inail il certificato medico. Lo sconto fiscale sarà calcolato su un importo massimo di spesa pari a 10mila euro.

    Integrazione della dichiarazione che comporta un minor credito o un maggior debito Se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l'integrazione o la rettifica comporta un minor credito o un maggior debito deve utilizzare il modello REDDITI Persone fisiche In questo caso, se dall'integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà proce- dere al contestuale pagamento del tributo dovuto, degli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e della sanzione in misura ridotta secondo quanto previsto dall'art.

    In questo caso se dall'integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà pagare contemporaneamente il tributo dovuto, gli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e le sanzioni in misura ridotta previste in materia di ravvedimento operoso; entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dichiarazione integrativa — art. In questo caso se dall'integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà pagare contemporaneamente il tributo dovuto, gli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e le sanzioni in misura ridotta previste in materia di ravvedimento operoso.